Caricamento...

Tagli alla sanità: i cittadini pronti a manifestare

Satta:”le forze politiche e quelle civili debbono concertare azioni e manifestare creando un movimento a difesa dei diritti del nostro territorio”

“Mi associo ai timori del segretario de ‘La Destra’ di Fiumicino Massimiliano Catini e dei cittadini della zona nord del comune di Fiumicino, sulle insistenti voci di chiusura del nucleo di cure primarie di Fregene – ha dichiarato Luigi Satta, capogruppo della lista civica ‘Noi Insieme’ – se questa ipotesi fosse confermata, in piazza ne sono certo, non ci andrà solo Catini, ma l’intera cittadinanza accompagnata da un bel numero di consiglieri comunali che fanno politica attiva e dalle tante associazioni della zona nord del Comune che da tempo chiedono uno sforzo all’amministrazione comunale e alla Regione Lazio per ampliare quei servizi sanitari, un pronto soccorso e ancor di più un ospedale, ormai necessari per una città come la nostra, che cresce a vista d’occhio”.
“Per chi l’avesse dimenticato – prosegue Satta – il sottoscritto ha da sempre messo il problema sanità in cima ai punti del proprio programma, portando in consiglio diversi documenti tra i quali una mozione, votata all’unanimità dai colleghi di maggioranza e di opposizione il 25 febbraio 2010, per la realizzazione di un postazione Ares ad Aranova, ora messa a rischio dai tagli della nuova finanziaria. Sollecitato in questo da un folto numero di cittadini della zona e dal presidente dell’associazione Crescere Insieme, Roberto Severini, che allegò al documento oltre 1200 firme”.
“Ecco che i tagli della manovra finanziaria per aggiustare i nostri conti pubblici, rischiano non solo di portare alla soppressione del nucleo di cure primarie, ma anche rendere vana qualsiasi ipotesi di miglioramento e ampliamento dei servizi sanitari sul comune di Fiumicino – ribadisce il capogruppo della lista civica ‘Noi Insieme’ – sono convinto che il segretario della Destra si rammarichi di tutto questo a prescindere dalle posizioni politiche. Tutti sappiamo quanto i risvolti possano essere negativi. E lo sanno bene quei cittadini che negli anni scorsi sono più volte scesi in piazza e hanno manifestato per avere maggiore attenzione da parte degli enti. Le conquiste ottenute con l’impegno devono essere difese da tutti e messe a disposizione della comunità e non di un singolo individuo. Auspico dunque – conclude Satta – che Catini decida di incontrare le forze politiche e quelle civili per concertare azioni e manifestare creando un movimento a difesa dei diritti del nostro territorio.
 
 
 
 
 

Rios Pub
Mc Donald’s
Tari
Da Vinci
The Owl Public House
Centro estivo