Caricamento...

Tanti auguri Paperino

90anni, ma non li dimostra


di Patrizio Pavone
 
Non è il personaggio più vecchio della Banda Disney (nacquero ben prima di lui Topolino, Minni, Clarabella, Orazio, Pippo, Gambadilegno) ma sicuramente Paperino è il più simpatico papero del mondo e quello più amato da piccoli e grandi lettori di fumetti o spettatori degli innumerevoli cartoni animati che lo vedono come protagonista. Il primo cortometraggio su di lui fu “La gallinella saggia”, nel 1934 col nome di Donald Duck.
 
Aveva, nei primi anni dalla sua creazione dalla magica matita di Walt Disney, un ruolo marginale, un becco molto più lungo dell’attuale, con una voce gracchiante e con un fare a volta sciocco con il suo vestito da marinaio.  Ma il suo creatore ne smussò “gli angoli”, perfezionò la sua immagine, e lo fece poi sviluppare in tantissime altre storie da due talenti eccezionali: Al Taliafetto e Carl Barks, due disegnatori USA magistrali, che seppero trasformarlo in un personaggio di primo piano, al punto da offuscare Topolino.
 
Sbarcato in Italia, venne dapprima disegnato dai suoi primi padrini tricolori: Angelo Bioletto (che inserisce Paperino nella lunghissima storia a puntate “L’Inferno di Topolino”) e Federico Pedrocchi (prima storia a lui intitolata, “Paperino e il mistero di Marte”). Dopo di questi due artisti altri fumettisti dettero vita a migliaia di storie con Donald Duck. Tutti arricchirono il personaggio disneyano grazie anche ai soggetti scritti da due abilissimi sceneggiatori: Guido Martina e Carlo Chendi.
 
Paperino è collerico, arrogante e saccente, quasi sempre disoccupato, ozioso, incredibilmente sfortunato, impacciato, frustrato, nevrotico, scansafatiche, aggressivo. Ma è un personaggio positivo, lottando spesso contro la Banda Bassotti, è sicuramente coraggioso (non si rifiuta mai di accompagnare il suo ricco zio Paperone in disavventure rischiosissime), burlone (si diverte a fare dispetti ai due scoiattoli Cip e Ciop), galante con la sua eterna fidanzata Paperina, protettivo e paziente nei confronti dei suoi nipotini Qui, Quo e Qua, che a volte lo dileggiano, abile nel sottrarsi ai suoi moltissimi creditori.
 
Risulta poi simpaticissimo perché lotta contro la sfortuna e fa a gara spesso con suo cugino Gastone per avere incarichi di responsabilità, rivale in amore con Paperina. Si difende anche contro le eccessive stravaganze di un suo strampalato cugino, Paperoga. Spesso è vittima di esperimenti pericolosi dell’inventore Archimede Pitagorico. Oppure non riesce mai a trarre profitto dalla sua disponibilità ad aiutare lo zio Paperone. Fa il giornalista con lo zio Gedeone (“Paperino e i gamberi in salmì”) fino ad essere un eroe pensando di essere un poliziotto (“Paperino agente dell’FBI”).
 
Paperino veste i panni di personaggi illustri in molte storie che sono la parodia di poemi o romanzi famosi come : “Sandopaper e la Perla di Labuan”, “Paperin Meschino”, “Paperino missione Bob Fingher”, “Paperino e il vento del sud”, “Il Papero nero”, “Paperino Girandola”, “Paperino il paladino”, “Paperino di Munchausen”, “L’anello dei nani lunghi”, “El kid Pampeador”, “Paperino e il giro del mondo in otto giorni”, “Paperino barbiere di Siviglia”. Spesso una specie di antieroe con finali a sorpresa.
 
I disegnatori che hanno dato vita a questo personaggio sono stati negli Stati Uniti: Al Tagliaferro, Carl Barks, Paul Murry, Tony Strobl, Jack Bradbury. I disegnatori Italiani più illustri, dopo quelli già citati, sono stati: Romano Scarpa, Luciano Bottaro, Giuseppe Perego, Guido Martina, Giovan Battista Carpi, Pier Lorenzo e Massimo De Vita, Luciano Capitanio, Giulio Chierchini, Giorgio Cavazzano. Ma poi tantissimi altri. Tutti hanno contribuito a renderlo il papero più delizioso e seguito al mondo. 
 
 
 
 

Rios Pub
Mc Donald’s
Tari
Da Vinci
The Owl Public House
Centro estivo