Rapporto tra mente e corpo nelle malattie di grave entità

Domenica, 04 Aprile 2010 23:40

Autore: Stefania Curzio

rubrica1Perché certi pazienti guariscono mentre altri peggiorano le proprie condizioni di salute, benché la diagnosi sia uguale?
La differenza fondamentale risiede nell’approccio mentale nei confronti della malattia e nell’atteggiamento positivo verso la vita.
La reazione del corpo alle cure mediche è influenzata dalle nostre idee sull’efficacia delle cure stesse e dalla fiducia che nutriamo verso i medici che ci curano. La malattia non costituisce solo un problema fisico ma un problema della persona nella sua totalità.
E’ importante anche la visione sociale del malato che troppo spesso non aiuta quest’ultimo ad andare oltre l’esserlo. In tal senso un esempio eclatante è il malato di cancro. Non importa se nella sua vita questi ha svolto o tuttora svolge ruoli importanti (nel lavoro, nella famiglia, tra gli amici), se ha grosse qualità (intelligenza, senso dell’umorismo, generosità), dal momento in cui gli viene diagnosticata la malattia diventa solo ed unicamente “il malato di cancro”. E questo, come si può facilmente immaginare, diventa un incastro in più nell’incastro del dolore e della sofferenza insite nella condizione di malato.
Dunque la lettura personale, oltre che quella sociale, della malattia condizionano fortemente il risultato.
Gli innumerevoli studi sull’effetto placebo hanno obbligato la medicina a modificare il proprio orientamento meccanicistico. Oramai prevalentemente si considera la mente ed il corpo come un unico sistema integrato. Già nel secondo secolo d.C., il medico Galeno osservava che le donne dal temperamento sereno erano meno portate ad ammalarsi.  Nel 1701 il dott. Gendrom citava l’influenza delle “tragedie della vita come occasione di gravi guai e sofferenze”.
Analizziamo ora due dei diversi aspetti che concorrono a creare la differenza tra chi guarisce, o continua  la propria  esistenza in maniera dignitosa, e chi invece no: la profezia che si auto avvera e i “vantaggi” secondari dell’essere malato.
Non è da trascurare la “profezia che si auto avvera”, vale a dire quelle situazioni in cui ci aspettiamo che qualcosa si verifichi e agiamo inconsapevolmente in modo che  aumentino le probabilità che si realizzi. Per esempio, se la persona si aspetta di guarire, con ogni probabilità si ricorderà di prendere i farmaci e si atterrà alle indicazioni del medico aumentando così le probabilità di guarigione. Se, invece, si aspetta di morire o di peggiorare, è probabile che penserà inutile o inadeguato seguire ciò che il medico gli prescrive. Sono esempi che fanno comprendere una delle principali caratteristiche della profezia che si autoavvera, il “rinforzo circolare”, per cui l’aspettativa del successo spesso porta a raggiungerlo e viceversa.
E’ importante, quindi, aiutare i pazienti ad identificare le modalità con cui partecipano all’insorgere della malattia. Questa autoanalisi non serve certo ad evocare la colpa ma ha la funzione, per la persona, di identificare i propri comportamenti per trasformarli da disfunzionali in utili alla guarigione o al miglioramento delle proprie condizioni. Alcune persone possono indirettamente aver “partecipato” all’insorgere della malattia permettendo l’accesso nella loro vita di eccessivi stress, oppure rifiutando di riconoscere di avere dei limiti emotivi; altre possono aver subordinato se stessi dando priorità al proprio sistema di appartenenza (parenti, colleghi, aspettative sociali, ecc.); altre possono aver reagito agli stress con un atteggiamento mentale di disperazione o senso di abbandono.
Altro aspetto importante nel lavorare con pazienti affetti da malattie non di facile cura medica è l’evidenziare i “vantaggi” della malattia. La nostra società basa l’autostima sulla produttività. L’espressione delle emozioni viene scoraggiata in nome dell’obiettivo da raggiungere: il successo, la carriera, i risultati da portare, l’apparire. In una società così determinata la malattia può avere una importante funzione. Ci si aspetta una reazione emotiva (che quindi viene “concessa”…) dalla persona che scopre di essere malata. Attraverso la malattia, il malato può chiedere alle persone importanti ciò che spesso, nell’essere in salute, non ha mai chiesto, vale a dire affetto, vicinanza, sostegno. Quindi, attraverso la malattia, paradossalmente la persona può offrirsi la possibilità di soddisfare i propri bisogni che, a livello cosciente, non ha avuto la possibilità di soddisfare. La malattia procura tanta sofferenza e dolore ma rende possibile anche darsi e avere il “permesso” di mettere in atto comportamenti che, in salute, non avrebbe adottato. C’è il rischio che, paradossalmente, si arrivi alla situazione in cui i periodi di malattia possono apparire come gli unici in cui sembra accettabile sottrarsi alle responsabilità e alle pressioni della vita e a badare a sé senza sensi di colpa e senza la necessità di dare tante spiegazioni. La malattia però può diventare una trappola in quanto, se si arriva ad interiorizzare che per vivere esperienze di amore, attenzione e rilassamento sia necessario ammalarsi, si fermerà dentro l’interesse a rimanere malati. E’ importante arrivare ad essere ed avere ciò che più emotivamente si desidera non pagando il prezzo, veramente troppo alto, di cui alcune malattie sono portatrici (se si pensa al cancro…), ma cercando di modificare le regole che sinora non hanno permesso di prestare la giusta attenzione ai propri bisogni emotivi.
Più in avanti si affronterà lo stesso tema trattato in queste riflessioni puntando l’attenzione sull’importanza del sistema di appartenenza (famiglia, parenti, amici) nel meglio definire per l’individuo modalità emotive adeguate per affrontare la malattia e i cambiamenti che essa comporta per tutte le persone coinvolte.

Dott.ssa Stefania Martina - Psicologa e Psicoterapeuta familiare
Studio Ostia via dei Navicellari 3 - tel. 347.6803276
 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Pubblicato in Parliamo di...

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e Cookie

Informativa al trattamento dei dati ex artt.13 e 23 del d.lgs. n. 196/2003

La informiamo, ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. 30 giugno 2003, n. 196 (recante il "Codice in materia di protezione dei dati personali" nel prosieguo, per brevità, il "Codice"), che i dati personali forniti a Fiumicino Online - il portale del litorale romano P. I. / C.F. 06155431007, saranno raccolti e registrati da Fiumicino Online - quale Titolare del trattamento - su supporti cartacei, elettronici e/o informatici e/o telematici protetti e trattati con modalità idonee a garantire la sicurezza e la riservatezza nel rispetto delle disposizioni del Codice.

La informiamo che i dati fornitici verranno utilizzati per finalità strettamente connesse e strumentali alla esecuzione del Servizio stesso o di quanto da lei eventualmente richiesto e per permetterle di partecipare alle nostre iniziative. Tali dati potranno essere memorizzati per il tempo necessario alla fornitura del servizio e per gestire anche in futuro sue analoghe richieste.

Per l'esecuzione e gestione del Servizio e l'assolvimento di ogni altro onere di legge i suoi dati potranno essere portati a conoscenza di dipendenti e collaboratori di Fiumicino Online e/o di società controllanti e/o collegate, loro consulenti legali, fiscali, per il data entry.

La informiamo che potrà esercitare i diritti previsti dall'art. 7 e seg. del d.lgs. n. 196/2003 (tra cui, a mero titolo esemplificativo, i diritti di ottenere la conferma dell'esistenza di dati che la riguardano e la loro comunicazione in forma intelligibile, la indicazione dell'origine dei dati, delle finalità e modalità di trattamento, l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati personali trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, al relativo utilizzo) mediante richiesta rivolta senza formalità al Titolare del trattamento dei dati.

Cookie Policy

La seguente Cookie Policy va inserita a tutti gli effetti come parte integrante della Privacy Policy di Fiumicino Online - il portale del litorale romano. P. I. / C.F. 06155431007. Questa ha preciso compito di illustrare le differenti tipologie e le modalità di uso dei cookie adoperati dal sito stesso, nonché di dare indicazioni circa i processi da eseguire per eliminarli o bloccarli definitivamente.

I Cookie sono costituiti da porzioni di codice inviate al browser (tutti i browser all’incirca sono impostati per accettare automaticamente i cookie) che possono essere salvati sul computer dell’utente (o altri dispositivi abilitati alla navigazione, per esempio smartphone o tablet) durante la navigazione su un sito web. Alcune delle finalità di installazione dei Cookie potrebbero, inoltre, necessitare del consenso dell'Utente.

I cookie utilizzati in questo sito possono essere:

  • di sessione, ovvero cookie fondamentali per navigare all'interno del sito utilizzando tutte le sue funzionalità, come ad esempio il mantenimento della sessione e l'accesso alle aree riservate. Sono strettamente necessari, in quanto senza di essi non sarebbe possibile fornire i servizi richiesti. Questi cookie non raccolgono informazioni da utilizzare per fini commerciali. Si cancellano automaticamente con la chiusura del browser, alla fine di una specifica sessione.
  • persistenti, sono quelli che rimangono memorizzati nel computer fino alla loro scadenza o cancellazione da parte degli utenti/visitatori. Con questi cookie i visitatori che accedono al sito vengono automaticamente riconosciuti a ogni visita.
  • di tipo analytics. Raccolgono informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e sulle modalità in cui questi visitano il sito (pagine visitate, numero di accessi, tempo di permanenza nel sito, ecc.) per ottimizzare la gestione del sito. Questi cookie non raccolgono informazioni che possano identificare in qualche modo l'utente.
  • di funzionalità. Raccolgono informazioni al fine di consentire all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) per migliorare il servizio reso allo stesso. Le informazioni raccolte da questo tipo di cookie sono acquisite in forma anonima.
  • I cookie di profilazione, il cui impiego comporta la prestazione del consenso alla ricezione dei cookie e al successivo utilizzo da parte nostra, vengono utilizzati per raccogliere dati di navigazione pertinenti all'utente con le preferenze manifestate dallo stesso nell'ambito della navigazione in rete.

Queste modalità possono a loro volta essere suddivise in cookie:

  • di “prima parte” quando sono gestiti direttamente dal proprietario e/o responsabile del sito web
  • di “terza parte” quando i cookie sono predisposti e gestiti da responsabili estranei al sito web visitato dall’utente.

I cookie di terza parte utilizzati da questo sito possono essere:

  • Google Analytics sul sito sono presenti i cookie tecnici di terze parti di Google Analytics, questo è un servizio di analisi web fornito da Google Inc. ("Google"). Questi permettono di registrare e visualizzare informazioni sull'uso del sito Web. Questi cookie permettono di ottenere informazioni tecniche dettagliate come:
    1. Il percorso di navigazione dell'utente
    2. il numero di pagine visitate,
    3. Il tempo trascorso tra un clic e un altro
    4. La login all'area riservata
    5. La visualizzazione di determinate risorse
    Questi cookie tengono traccia dei percorsi di navigazione permettendoci così di analizzare l'esperienza d'uso e migliorarne l'usabilità. Ciò che viene analizzato è il dato legato all'utente, ma quest'ultimo non viene mai identificato.
  • Google Adwords: Questi cookie sono finalizzati all’erogazione degli spazi pubblicitari. Questi cookie vengono installati da terze parti (Google Inc.). I cookie pubblicitari vengono utilizzati per dedurre un tuo “profilo” di navigatore e proporti in seguito messaggi pubblicitari conformi al tuo comportamento in rete, in linea con i tuoi interessi. I dati raccolti in tal senso, tramite questi cookie, sono anonimi e non consentono di risalire alla tua identità.
  • Google Maps utilizziamo Google Maps per fornire informazioni dettagliate su come individuare i nostri punti vendita e crediamo che contribuisca alla tua esperienza nell'uso del nostro sito.
  • I cookie derivanti dai Social sono rappresentati da quei pulsanti presenti sul sito che mostrano le icone di social network (come Facebook e Twitter) e permettono agli utenti di accedere con un "click" alla pagina social selezionata dal sito. I social plugins presenti nelle pagine permettono al social network selezionato di raccogliere i dati relativi alla visita. Con questi pulsanti sono dunque installati cookie di terze parti. Con questi social plugins non viene però scambiata alcuna informazione di navigazione o dato dell'utente acquisiti.

Come bloccarli o eliminarli

Gli utenti possono può gestire le preferenze relative ai Cookie direttamente all'interno del proprio browser impostandolo in modo tale che esso accetti/rifiuti tutti i cookie o visualizzi un avviso ogni qual volta viene proposto un cookie, al fine di poter valutare se accettarlo o meno. L’utente è abilitato, comunque, a modificare la configurazione predefinita (di default) e disabilitare i cookie (cioè bloccarli in via definitiva), impostando il livello di protezione più elevato. È importante sottolineare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe essere compromesso.