Caricamento...

Atletica, Mondiale 2027: presentata la candidatura di Roma

Mei: “Sono fiero del lavoro che abbiamo svolto la candidatura di Roma apprezzata in ambito internazionale”


di Dario Nottola
 
Un lungo applauso ed i complimenti espressi dal presidente dell’Evaluation Committee, il finlandese Antti Pihlakoski. È terminata così la presentazione al Consiglio della World Athletics della candidatura di Roma ad ospitare i Campionati del Mondo del 2027.
 
Sotto la guida del presidente federale Stefano Mei – informa la Fidal – il gruppo di lavoro (composto anche dal consigliere WA Anna Riccardi, e reso ancor più forte dalla presenza del presidente del CONI, Giovanni Malagò) ha illustrato il dossier della capitale, con un lungo filmato che ha incorporato anche i convinti messaggi di sostegno del Ministro dello Sport, Andrea Abodi, e del sindaco di Roma, Roberto Gualtieri.
 
La decisione finale su quale Paese ospiterà la rassegna iridata del 2027 (in lizza Italia e Cina) verrà presa dalla World Athletics la prossima settimana (con ogni probabilità mercoledì 28), nel corso del Consiglio che avrà luogo a Glasgow, alla vigilia dei Mondiali indoor. Alla documentazione presentata manca però un tassello di primaria importanza: la lettera di garanzia trasmessa dal Governo non recepisce tutte le indicazioni di World Athletics, ed in particolare, fatto di sostanziale rilevanza, non esprime la copertura dell’intervento economico descritto nel budget della manifestazione. Per trasmetterne alla World Athletics una versione completa di tutto c’è tempo, nei fatti, fino alla riunione di Consiglio che prenderà la decisione finale.
 
“Sono fiero del lavoro che abbiamo svolto – ha detto il presidente Fidal, Stefano Mei – la candidatura di Roma è molto più che apprezzata in ambito internazionale. Il momento straordinario vissuto dall’atletica italiana è sotto gli occhi di tutti, e l’organizzazione del Mondiale rappresenterebbe una sorta di chiusura del cerchio per una generazione straordinaria di atleti, oltre che per il lavoro di tutto il movimento, dalla base al vertice. A questo punto non possiamo che augurarci che il Governo dia seguito all’interesse e al supporto espressi più volte nel corso di questi mesi, con un atto che consenta a Roma di giocarsi tutte le carte a disposizione”.
 
L’intervento dello Stato è quantificato nel dossier di candidatura in 85 milioni di Euro, che vanno intesi come un “vero e proprio investimento, non solo sull’atletica, ma su tutto lo sport italiano”, con benefici al sistema Paese descritti nello studio commissionato all’advisor Deloitte: dalla sola fiscalità generale, ritornerebbero nelle casse dello Stato tra 97 (nell’ipotesi considerata peggiore) fino a 165 milioni di Euro (ipotesi migliore), frutto di un fatturato totale che oscillerebbe tra i 592 e i 991 milioni di Euro. Il turismo rappresenterebbe ovviamente il driver di maggior rilievo, con presenze collegate all’evento stimate tra le 240 e le 257 mila totali, con permanenza tra 2,4 e 3,8 giorni pro-capite e una spesa giornaliera tra 156 e 211 Euro al giorno.
 
 
 
 
 
 
 

Rios Pub
Mc Donald’s
Tari
Da Vinci
The Owl Public House
Centro estivo