Caricamento...

Necropoli di Porto, entra nel vivo il progetto di analisi diagnostiche e restauro virtuale delle pitture

Il progetto consentirà di restituire, in ambito “virtuale”, gli apparati decorativi.


di Dario Nottola 


E’ entrato nel vivo, in questi ultimi giorni, il progetto di analisi diagnostiche e restauro virtuale delle pitture della Necropoli di Porto all’Isola Sacra. Il progetto è frutto di una convenzione tra il Parco archeologico di Ostia Antica e l’Università di Palermo, Dipartimento Culture e Società, Laboratorio di Virtual Archaeology.

Il progetto è a cura del Direttore del Parco archeologico, Alessandro D’Alessio, dell’archeologa del Parco Cristina Genovese, del prof. Massimo Limoncelli e dott.ssa Laura Schepis (Università di Palermo); vi partecipano le studentesse del Corso di Laurea in Archeologia Noemi Todaro e Grazia Rita Barberi Frandanisa insieme alla restauratrice del Parco archeologico di Ostia antica, Tiziana Sorgoni.

Il progetto, sostenuto dal Direttore del Parco archeologico di Ostia, Alessandro D’Alessio, consentirà di restituire, seppur in ambito “virtuale”, gli apparati decorativi, che sono stati distaccati nel secolo scorso e conservati nei depositi archeologici ostiensi, nel loro contesto di origine, ricostruendo lo straordinario sistema di immagini, colori e arredi che ornavano le tombe di una delle meglio conservate necropoli di età romana. Nella Necropoli sono in corso, peraltro, importanti interventi di messa in sicurezza e di restauro, a distanza di 25 anni dagli ultimi, su circa 30 edifici funerari monumentali delle 200 tombe visitabili, e dei relativi apparati decorativi: pitture, stucchi, mosaici, marmi.
 
 

Rios Pub
Mc Donald’s
Tari
Da Vinci
The Owl Public House
Centro estivo