Caricamento...

Futsal Isola: Manita alla Lazio calcetto

“Che bella questa Futsal Isola tutto cuore, grinta e champagne”

Cinque a zero alla Lazio Calcetto. Un gioco finalmente convincente. E uno spirito da grande. Mai domo. Quattro su quattro: un inizio esaltante. Diciotto gol fatti, tre subiti. Una schiacciasassi. Il presidentissimo Massimiliano Mazzuca non poteva chiedere di più.

LA PARTITA.. Al PalaDanubio quintetto base per la banda Lattanzi. Ancora out Ramos (infortunato, riposo precauzionale per lui) partono De Filippis, Robinson, Imperato, Guerra e Colaceci. La Lazio non fa barricate e gioca. La Futsal Isola ne approfitta e alla prima occasione è già in vantaggio. Tiki-taka velocissimo che parte dalla metà campo Orange e Colaceci insacca da due passi. Uno a zero dopo novanta secondi. La Lazio si apre. La Futsal Isola fa male. Imperato e Robinson vanno vicini al gol. De Filippis toglie le castagne dal fuoco. Al settimo la banda Lattanzi allunga. Palla a Imperato che dalla sinistra fa partire un terra-aria che si infila sotto il sette. Due a zero. Arribas è indemoniato. L’argentino fallisce di un niente il tre a zero prima al nono e poi all’undicesimo. Al ventiseiesimo Colaceci scappa sulla destra, palla d’oro per Robinson al centro che insacca. E sono tre. La Lazio non fa una piega e si rimette sotto a macinare gioco. Arribas, ancora lui, imbeccato dell’onnipresente Colaceci svernicia la traversa con una sassata da fuori. Triplice fischio. Tutti negli spogliatoi. Tre a zero per l’Isola.
 
SECONDO TEMPO… Lattanzi cambia tutto. Dentro De Filippis, Verrone, Arribas, Guerra e Colaceci. La Lazio spinge. La banda Lattanzi aspetta dietro e colpisce nuovamente a freddo. Al secondo ancora Colaceci: assist al bacio di Guerra dalla sinistra e palla dentro da due passi. De Filippis non ci sta a fare da spettatore e snocciola quattro interventi uno più bello dell’altro. La Lazio si getta a capofitto alla ricerca del gol della bandiera che però non arriva. De Filippis però è ovunque. Al ventiseiesimo Colaceci chiude i conti (tripletta per lui). Lazio sbilanciata, il bomber insacca da centrocampo a porta sguarnita. E sono cinque. Il resto è accademia per gli Orange e un assalto senza reti per una ottima Lazio, che al di là del risultato gioca bene e ha un piglio da grande. Da annotare al ventisettesimo l’esordio stagionale per il baby Paradiso, scuola Ciro Sannino.
 
I COMMENTI… Primo sorriso per mister Lattazi che dopo tre partite tutto cuore e grinta, ritrova quel gioco super, suo marchio di fabbrica. “Niente da dire, i ragazzi sono stati perfetti, complimenti a loro – sottolinea a fine gara – abbiamo giocato da grande squadra. La Lazio è un’ottima formazione, si muove bene, fa girare la palla in maniera egregia. Non era facile. Noi però oggi non abbiamo sbagliato nulla. Ci si è messa subito bene, loro si sono dovuti aprire e abbiamo colpito. Bene così. Ora sotto con la prossima. L’importante è rimanere concentrati, senza fare troppi voli pindarici”.
 
 
 
 

Rios Pub
Da vinci
Tari
Mc Donalds
Centro estivo
Numeri Utili Comune di Fiumicino