Caricamento...

Porto turistico, Montino: “Con l’affidamento alla Royal Carribean si apre una nuova fase per la città”

“Aspetteremo le proposte che vaglieremo per soluzioni equilibrate per l’impatto ambientale, sociale ed economico”


“L’amministrazione comunale non può che prendere atto della conclusione, da parte della sezione fallimentare del Tribunale civile di Roma della procedura concorsuale della società in liquidazione IP vinta dalla società Royal Caribbean”. Lo dichiara il sindaco Esterino Montino.
 
“Dopo che 12 anni fa – ricorda il primo cittadino – la precedente amministrazione comunale di Fiumicino, la Regione e lo Stato avevano approvato la costruzione del porto turistico per 1500 barche e per una cubatura complessiva di 130 mila metri cubi di cui 24 mila a scopo abitativo, sono iniziati i lavori di sbancamento e di costruzione di poco meno di un km di molo guardiano, lavori che dopo alcuni anni si sono completamente bloccati determinando una situazione di degrado e pericolo costante aggravata dall’incuria e dal sostanziale abbandono del cantiere che ancora, purtroppo, persiste”.
 
“Ci sono volute varie diffide da parte di questa amministrazione comunale per garantire un minimo di messa a norma dell’area – ribadisce – costringendoci a intervenire diverse volte in sostituzione del concessionario. E altrettante diffide sono state necessarie per assicurarci che le continue mareggiate non creassero danni irreversibili a uno dei simboli della città: il vecchio faro“.
 
“Nonostante tutto – aggiunge Montino – lo stato di abbandono continua tuttora a imperversare anche con occupazioni abusive e utilizzi assolutamente impropri di manufatti come il vecchio ristorante “La scogliera” e di altri nell’area circostante utilizzati come alloggi di fortuna. Una situazione di degrado e di totale mancanza di sicurezza che riguarda tutto il fronte di via del Faro“.
 
“Con la nuova assegnazione da parte del Tribunale – sottolinea – inizia una nuova fase per tutte le amministrazioni pubbliche e per la città legata non tanto alla solidità di un’azienda internazionale della valenza di Royal, quanto alla prospettiva che si apre per il nostro comune in termini di salvaguardia ambientale del nostro territorio, di accessibilità e integrazione tra la nuova infrastruttura, quelle più importanti già esistenti e il resto della città, di ricaduta in termini sociali ed economici, di occasioni di lavoro e di sviluppo produttivo. Una ricaduta che deve evolversi evitando non solo un impatto troppo gravoso sulla città stessa, ma anche scongiurando l’immissione di un corpo assolutamente distaccato ed estraneo alla vita economica e sociale della città“.
 
Aspetteremo le proposte che dovranno essere presentate, le vaglieremo con scrupolo coinvolgendo l’intero consiglio comunale e il tessuto sociale della città e daremo il nostro contributo, come istituzione locale, in stretto rapporto con la Regione e con lo Stato che rimane comunque titolare della competenza definitiva sul demanio marittimo. Mi auguro – conclude Esterino Montino – che il confronto possa avvenire nel merito per trovare le soluzioni migliori e più equilibrate per un territorio che storicamente si presenta come particolarmente delicato e sensibile”.
 
 
 
 

Rios Pub
Da vinci
Tari
Mc Donalds
Centro estivo
Numeri Utili Comune di Fiumicino