Caricamento...

Si ferma la legge bavaglio e s’imbavaglia la D.I.A.

Bianchini:”il Governo, che ha sempre sbandierato, la lotta alla mafia come una delle priorità del proprio programma politico ha intenzione di chiudere la D.I.A.

“Per evitare contraccolpi nell’opinione pubblica, si stanno adoperando in modo subdolo, con la riduzione di budget destinati alle indagini antimafia – ha dichiarato Cosmo Bianchini, Segretario Generale Silp per la CGIL Lazio – negli ultimi 10 abbi, infatti i fondi sono praticamente dimezzati. Quest’anno il Governo ha proposto un taglio di oltre 13 milioni di euro a fronte di un totale di 20 milioni di euro”.
“L’intenzione dei magistrati Falcone e Borsellino – prosegue Bianchini – che hanno voluto fortemente la creazione della D.I.A. per contrastare le mafie e tutte le implicazioni legate a tale fenomeno come: corruzione, collusioni e commistioni, si sta infrangendo contro la volontà governativa di interrompere il grande lavoro fatto. Malgrado gli insopportabili tagli operativi nei confronti della D.I.A., la stessa ha comunque continuato ad ottenere positivi risultati che sono sotto gli occhi di tutti. Sequestri per 5,7 milirdi di euro, confische per 1,2 miliardi di euro nell’ultimo anno e mezzo; indagini di grande importanza (G8, stragi anni ’90, appalti pubblici)”.
“Consapevoli delle grandi difficoltà economiche del Paese e del Mondo intero, i lavoratori della direzione investigativa antimafia esprimono la loro indignazione sicuri che gli ulteriori tagli economici vanificherebbero venti anni di attività antimafia” ha concluso Cosmo Bianchini.
 
 
 
 

Rios Pub
Da vinci
Tari
Mc Donalds
Centro estivo
Numeri Utili Comune di Fiumicino