Caricamento...

Crisi Politica: tragica farsa al Comune

Quadrini:”non è possibile continuare in questo modo, i cittadini sono stufi, più volte lo hanno fatto capire”

“E’ più di sei mesi che al Comune di Fiumicino assistiamo a delle farse tragiche che stanno ulteriormente paralizzando l’attività della Istituzione ed aggravando i problemi reali della nostra Città, dei nostri bambini, famiglie, anziani, donne, cioè della gente di Fiumicino – a dichiararlo è Antonio Quadrini, Coordinatore del Circolo SEL Di Fiumicino – balletti di finte sospensioni, di litigi apparenti, di dimissioni annunciate, di firme che vanno e vengono, che denotano da parte dei nostri governanti un unico interesse, tutto privato di garantirsi una futura rielezione o di garantirsi la possibilità di continuare a gestire il potere locale fine a se stesso, e di proseguire con il loro menefreghismo più assoluto nel realizzare le condizioni di aumento del benessere dei cittadini, che dovrebbe essere il motivo per cui sono lì”.
“I cittadini sono stufi – sostiene Quadrini – più volte lo hanno fatto capire a tutti. Un Comune ha l’obbligo di garantire e sostenere i bisogni dei cittadini, garantire ad essi diritti fondamentali quali: la Salute, l’Istruzione, l’infanzia, la Cultura, il Lavoro, la qualità di vita nella Città, un ambiente sano, la sicurezza sociale, attraverso la fornitura dei servizi, onde promuovere il benessere dei cittadini, questo lo prevede la Costituzione. Ebbene in questi anni questi diritti, questi bisogni ed i conseguenti Servizi sono stati garantiti? Basta riflettere su alcuni dati e verifichiamo che questi Servizi e questi diritti non solo sono stati ridotti e sono del tutto insufficienti ma in molti casi sono stati mortificati”.
“Questa città ormai governata da 9 anni dal Centro Destra – sottolinea il Coordinatore del Circolo SEL Di Fiumicino – da questo Sindaco e dai suoi sostenitori istituzionali cioè Consiglieri e consulenti non solo presenta una enorme mole di problemi irrisolti ma le loro scelte scellerate li hanno resi ormai quasi cronici. In questi anni in cui hanno voluto velocizzare e incrementare la popolazione di questo territorio, siamo passati nel corso degli ultimi 9 anni da 53.000 abitanti a 72.000, usando la logica del mattone e del cemento, e nel contempo hanno addirittura diminuiti i servizi alle persone. Ci sono più bambini in lista di attesa per un posto nei nidi e nelle materne di quelli che il Comune assiste nelle sue strutture; le scuole medie inferiori rischiano ormai il doppio turno; i servizi alle persone indigenti sono crollati, si pensi che si assistono le stesse persone in termini numerici di quando eravamo la metà degli abitanti”
“Si sono voluti accelerare con testardaggine l’avvio di grandi opere senza nessuna garanzia ed ora rischiamo di avere una cattedrale nel deserto un cantiere perenne nell’area del cosiddetto Porto Turistico della Concordia – ribadisce Quadrini – si è consentito alla Regione Lazio di indicare Fiumicino un luogo dove realizzare un inceneritore ed una discarica, si sta di fatto avallando la costruzione del secondo Aereoporto di Fiumicino, vedi l’ordinanza firmata dal Sindaco pochi giorni orsono che autorizza ADR ad eseguire sondaggi geologici sui terreni privati limitrofi all’aereoporto, senza conoscere né i progetti né tantomeno le ricadute, che per quanto riguarda noi sarebbero devastanti”.
“Tutte decisioni assunte e calate da accordi fatti nelle segrete stanze senza minimamente aprire una discussione preliminare pubblica o almeno una discussione informativa, alla faccia della democrazia partecipata e della partecipazione – incalza Quadrini – a Fiumicino si sta assistendo ad una paralisi della mobilità, il traffico che fino a pochi anni fa era sconosciuto in questa realtà è divenuto fatto con cui fare i conti tutti i giorni, Il servizio pubblico di Trasporto, è alle condizioni e potenzialità di quando avevamo 50.000 abitanti. Grandi opere pubbliche legate alla viabilità sono nei cassetti vedi il Ponte Due Giugno nuovo, la nuova strada di collegamento parallela al Tevere, il nuovo ponte della Scafa, la nuova stazione ferroviaria e tanto altro ancora. Questa sorta di pantomima è fuori da questi interessi, con molta propabilità la ricomporranno in nome del loro unico credo: ‘Gestire il Potere’. Il Comune rimarrà paralizzato per un altro anno e mezzo, Le condizioni di Vita dei concittadini peggioreranno, noi tutti, che già soffriamo per una crisi generale e dalle scelte scellerate del governo nazionale, saremo costretti a subirci anche questa mannaia locale, che sarà fatta anche di pesanti aumenti delle tasse locali, come per altro è già avvenuto, si pensi all’aumento del 40% della tassa sui rifiuti, dell’aumento dell’addizionale Irpef e dell’aumento di tutte le tariffe scolastiche e di servizio. Saremo perciò beffati due volte, come cittadini Italiani e come cittadini di questo Comune. Infine corriamo il  rischio che in questo periodo alcune gravi scelte si abbattano sulla città con il beneplacido di questi amministratori. Inceneritore, Realizzazione di un secondo Aereoporto un nuovo Porto e con molta propabilità nuovo ed importante nuova calata di cemento. Non è possibile continuare in questo modo. Le dimissioni definitive ed il ricorso anticipato al voto sono una strada obbligata, e questo mi auguro avvenga anche attraverso una nuova ed incisiva mobilitazione popolare. E’ una sfida anche per noi del Centro Sinistra, ci sono tantissimi uomini e donne che vogliono davvero voltare pagina, questa occasione non la dobbiamo perdere, altrimenti saremo corresponsabili” ha concluso il Coordinatore del Circolo SEL Di Fiumicino, Antonio Quadrini”.
 
 
 
 
 

Rios Pub
Da vinci
Tari
Mc Donalds
Centro estivo
Numeri Utili Comune di Fiumicino